Segui NEISHI su facebook!Segui NEISHI su Twitter!Segui i feed RSS di NEISHI!

Neishi

 
 
 
 

Non ignoriamo che l'universo, che si estende all'infinito con milioni e milioni di soli, è l'esteriorizzazione del Pensiero Divino di cui noi condividiamo l'essenza nella nostra condizione di Raggi Coscienti dell'Eterna Saggezza all'interno dei limiti della nostra evoluzione spirituale.
Figli del creatore noi ereditiamo da lui la facoltà di creare, di svilupparci, di nutrire e trasformare.

Naturalmente circoscritti nelle dimensioni concettuali in cui ci troviamo, noi possiamo proiettare fuori di noi l'energia del pensiero in grado di stabilire intorno a noi stessi l'ambiente psichico che ci è caratterizza.
Ciascun mondo possiede un  campo elettromagnetico che gli è proprio ed una  sua intensità di forza gravitazionale in cui si equilibra.
Analogamente ogni anima gravita nelle orbite di forze vive che traspirano dal suo assetto mentale,  interagisce all'interno delle sfere delle creature con cui si relaziona  obbedendo alle sue necessità evolutive e  di crescita verso l'immortalità.
Ciascun pianeta effettua una rivoluzione nell'orbita che gli è assegnata per la legge dell'equilibrio, senza superare le linee gravitazionali che lo riguardano così come ciascuna coscienza evolve all'interno di un  gruppo spirituale in base al movimento al quale si sottomette.

Siamo dunque un gigantesco insieme di Intelligenze sintonizzate sullo stesso livello vibratorio di percezione integrati in  un tutto ,costituito da qualche miliardo di esseri, che formano, per così dire, l'Umanità terrestre. Essendo dunque solo una famiglia nell'infinito concerto della vita cosmica dove ciascun mondo contiene solo una famiglia dell'Umanità Universale.

Noi non conosciamo che le espressioni della vita che ci tocca più da vicino, limitati dal livello della conoscenza che abbiamo già registrato.

Dipendenti dai nostri simili, nella nostra traiettoria verso l'avanguardia evolutiva, come mondi che si spostano nello spazio, influenzati dagli astri che li circondano, noi agiamo e reagiamo l'uno con l'altro attraverso l'energia mentale nella quale noi ci rinnoviamo costantemente, creando, alimentando e distruggendo forme e situazioni, paesaggi e cose, nella strutturazione del nostro destino.

In un certo modo il nostro Spirito è un nocciolo di forze intelligenti che genera un plasma sottile che, esteriorizzandosi indefinitamente fuori dalla nostra persona, offre dei ritorni di oggettività alla creazione della nostra immaginazione sotto il comando dei nostri stessi disegni.
L'idea è di un essere organizzato dal nostro Spirito a cui il pensiero dà forma ed a cui la volontà imprime un movimento ed una direzione.

Dall'insieme delle nostre idee deriva la nostra propria esistenza.

Tutti gli esseri viventi respirano nell'onda dello psichismo dinamico che gli è propria, all'interno di dimensioni specifiche e nella loro frequenza.
È uno psichismo indipendente dai centri nervosi in quanto sgorga dallo Spirito che condiziona tutti i fenomeni nervosi della vita organica in sé stessa.    Allora esaminando i valori animici come delle facoltà di comunicazione tra gli Spiriti, indipendentemente dal livello a cui si trovano, noi non possiamo perdere di vista il mondo mentale dell'emettitore e del recettore poiché in tutte le posizioni medianiche l'intelligenza recettiva è soggetta alle possibilità ed alla colorazione dei pensieri nei quali vive, e l'intelligenza emittente si trova sottomessa ai limiti ed alle interpretazioni dei pensieri che è capace di produrre.

In Medianità non possiamo dimenticare il problema della sintonia.
Noi attiriamo gli spiriti con i quali abbiamo delle affinità, così come noi ne siamo attirati.
Lo Spirito si trova alla base di tutte le manifestazioni medianiche, qualsiasi siano le caratteristiche con cui si manifestano.
E' indispensabile  arricchire il pensiero incorporando in esso i tesori morali e culturali, i soli che permettono di fissare la luce che sgorga dai nostri occhi dalle Sfere più elevate attraverso i gegni della saggezza e dell'amore che supervisionano la nostra esperienza.
E siccome non possiamo fuggire all'imperativo dell'attrazione,
riflettiamo solamente la luce e la bellezza, se  installiamo bellezza e luce nello specchio della nostra vita interiore.
I riflessi mentali, a seconda della loro natura, favoriscono la nostra stagnazione oppure ci spingono avanti nel viaggio, perché ogni creatura umana vive nel cielo o nell'inferno che ha costruito da sola nelle profondità del suo cuore e della sua coscienza, indipendentemente dal suo corpo fisico.  Osservando la vita nella sua essenza di eternità gloriosa, la morte non è altro che una transizione tra due stati della stessa esperienza nell'oggi immortale.
Noi vediamo la Medianità in tutti i tempi e luoghi della  storia umana. Missioni sante e guerre distruttive, compiti nobili ed ossessioni perfide hanno la loro origine nel riflesso del mentale individuale e collettivo coniugato con le forze sublimate o degradate dei pensieri che li hanno nutriti.
Impariamo dunque ad educare il nostro pensiero per migliorare ogni giorno.
Siamo tutti medium nelle correnti in cui noi stessi ci poniamo.
La forza psichica, in uno o nell'altro aspetto della sua espressione, è un talento di tutti gli esseri ma non esiste il perfezionamento medianico senza la purificazione della personalità nei suoi aspetti umani.
Intensificare lo spostamento delle energie senza disciplinare gli impulsi si rivela controproducente. È pericoloso possedere senza saper utilizzare.
Lo specchio coperto di fango non riflette lo splendore del sole come il lago agitato non riflette l'immagine della stella che splende nell'infinito.
Se noi ci disponiamo a ricevere le grandi anime dobbiamo
elevare il nostro livello di conoscenza, dirigerlo verso il bene ed epurare le nostre emozioni attraverso l'esercizio costante delle virtù superiori.
La medianità non è di per sé stessa sufficiente.

È indispensabile  saper quale tipo di onde mentali noi assimiliamo al fine di conoscere la qualità del nostro lavoro e  la nostra direzione.

Da Dans les Domaines de la Mediumnitè
di Francisco Candido Xavier
cap 1 pagg 24-28
tradotto da Graziella Cortassa

 

 
 

Copyright © 2009-2018 NEISHI, l'arte di guardare dentro | Privacy | Cookies | Design 2010 di Emanuela Zilio