Segui NEISHI su facebook!Segui NEISHI su Twitter!Segui i feed RSS di NEISHI!

Neishi

 
 
 
 

23 ottobre

Il villaggio si ripopola, nuovi arrivi, persone di tutte le nazionalità si aggirano curiosi un po' intimoriti, nel giardino della Casa. Nei giorni in cui la Casa è chiusa sto fuori sulla terrazza, non c'è bisogno di fare nulla, solo essere immersi, tra canti di uccelli e  frutti di mango che il vento ti fa cadere in mano. Una camminata alla cascata ed una sacra doccia fredda che, nel calore tropicale, è benvenuta.  Un po' di lettura e qualche incontro.

Per la prima volta sento parlare italiano e mi avvicino, non a caso due donne di Torino. Una donna svizzera-italiana racconta che sono otto volte che viene e condivide con noi la sua esperienza: nel  2008 la prima volta a seguito della morte della figlia, arrabbiata con l'universo, qui ha imparato ad accettare “mia figlia mi ha portato qui” poi ha continuato a venire per problemi di salute, ha imparato il  portoghese per relazionarsi direttamente con le Entità. Alla 5° volta le Entità le rispondono che non possono fare nulla per lei ma in questo periodo lei ha fatto un percorso, si è assunta la responsabilità della sua malattia ed è stata guidata a trovare strategie per stare meglio.
Aggiunge: “volevo il miracolo ma ho capito che dovevo accettare e cercare soluzioni diverse. Ora sto molto meglio” ma ha conosciuto persone che sono guarite o che hanno trovato la via per guarire.
Comunque ribadisce, come molti altri, che l'esperienza alla Casa ti cambia, dà una svolta alla tua vita, iniziano le coincidenze nella quotidianità che danno una direzione, non ti resta che seguire i segnali con la fiducia e l'esperienza che indichino una buona direzione.

Molti raccontano l'esperienza dei cambiamenti avvenuti nella loro vita materiale, dal lavoro alla casa, alla famiglia, anche i soldi. Come se elevare la propria visione spirituale avesse come effetto collaterale benefici sui livelli materiali, soprattutto benefici inattesi, in direzioni impreviste, come se... bastasse affidarsi. Affidarsi a che? Per alcuni necessita un Dio antropomorfo, per altri L'Ordine Cosmico, L'intelligenza superiore o coscienza, Il Regno non locale, il campo del potenziale... possiamo spaziare tra Religioni, Filosofia e Fisica siamo comunque ai limiti di quello che è descrivile con il linguaggio, è più adatto il silenzio.

 
 

Copyright © 2009-2018 NEISHI, l'arte di guardare dentro | Privacy | Cookies | Design 2010 di Emanuela Zilio